CONVERSANO - Villa comunale Giuseppe Garibaldi

Piazza Castello

Ubicato in zona urbana, il giardino insiste su un ampio banco di roccia; è fiancheggiato da via della Vittoria, piazza Castello e – sul lato Sud – da scalinata Villa Garibaldi e dalle mura medievali che cingono il centro storico. Interamente recintata, la Villa è accessibile negli orari di apertura al pubblico. L’ingresso principale, caratterizzato da una breve scalinata, si apre su piazza Castello; sulle colonne ai lati del cancello, l’intitolazione della villa a Giuseppe Garibaldi. Un accesso secondario è collocato sul versante Ovest, di fronte al monumento ai Caduti. Il giardino è un parco pubblico di proprietà del Comune di Conversano.

 

La villa occupa un’area denominata Palo o Pale, uno sperone roccioso che consente di godere di una suggestiva veduta panoramica sul territorio circostante e di un vento fresco e costante; per l’amenità della posizione, il Palo era utilizzato già nel XV secolo dalla cittadinanza per gradevoli passeggiate fuori porta. Quando, nei primi decenni del 1800, la città di Conversano fu interessata da importanti cambiamenti urbanistici (demolizione della Porta maggiore, colmamento dell’antico fossato, creazione di largo della Corte) si pensò che la località fosse naturalmente la più adatta per la creazione di un giardino pubblico.

La realizzazione dell’opera fu il risultato di una serie di interventi distanziati nel tempo, coordinati in un progetto unitario solo verso la fine del secolo. La configurazione odierna è opera del famoso architetto conversanese Sante Simone, che lavorò al progetto tra il 1866 e il 1889; in un piano di espansione della città elaborato nel 1861, lo stesso Simone aveva già collocato in quell'area una Villa comunale.

Il Comune di Conversano acquistò alcuni terreni privati, per ampliare l’area da destinare al giardino, e la torre Martucci, da destinare a cisterna per la raccolta delle acque necessarie a piante e fontane. Sulla torre – situata lungo le mura del centro storico, in cima alla scalinata Villa Garibaldi e parzialmente inclusa all'interno della recinzione – è stata affissa nel ‘900 una lapide dedicatoria in memoria dell’architetto Simone.

 

L’impianto è quello tipico del giardino all'italiana, con una scansione geometrica e simmetrica degli spazi. Dall'accesso principale, un lungo viale ombreggiato da lecci e dotato di panchine conduce ad uno spazio aperto, caratterizzato da un’aiuola centrale ottagonale bordata da una bassa siepe.

 

Il versante Ovest del giardino presenta passeggiate e scalinate prospettiche, che si snodano tra aiuole mistilinee organizzate secondo un disegno simmetrico intorno ad una fontana monumentale. Di forma circolare, la fontana è costituita da una vasca interrata in pietra, sormontata da una bassa ringhiera metallica; al centro, una statua in marmo bianco su un basamento roccioso irregolare. La fontana è circondata da siepi basse, geometricamente sagomate, con due accessi definiti lateralmente da pilastri sormontati da fioriere; fortemente deteriorata, è stata restaurata completamente nel 2011.

 

La villa è circondata interamente da una recinzione costituita da un muro in pietra sormontato da una ringhiera metallica.

Scarica la scheda originale
curatore: dott.ssa Isabella Di Liddo
Conversano.pdf
Documento Adobe Acrobat 143.4 KB

latitudine 40°58'09.4"N, longitudine 17°06'53.1"E

orari di apertura: ore 9,00-21,00

Galleria fotografica

Cliccare sulle immagini per ingrandirle


Regione Puglia

REGIONE PUGLIA

Assessorato al Mediterraneo,

Cultura, Turismo

Progetto co-finanziato con il

Programma delle Attività Culturali per il triennio 2013/2015 ai sensi dell'art.14 della L.R. n.6/04-DGR n.1185/2013

con il sostegno di

ITALIA NOSTRA

Consiglio Regionale Puglia


eido lab
progeva